Postumia, il Castello di Predjama e la Gola di Tolmino

Secondo giorno in Slovenia e secondo giorno “sottoterra”, nelle grotte più popolari, quelle di Postumia. Come consigliato dal proprietario del B&B, acquistiamo il biglietto sul sito ufficiale delle grotte, scegliendo il pacchetto che comprende la visita:

  • alle Grotte
  • al Castello di Predjama
  • al Vivaio, per osservare da vicino gli animali che vivono nelle grotte

Vi consigliamo di fare la stessa cosa, dato che l’acquisto online vi permetterà di scavalcare le lunghe file che potreste trovare alle casse; le Grotte di Postumia sono molto conosciute, e per questo anche molto affollate.

L’ingresso alle Grotte di Postumia

All’entrata delle Grotte di Postumia, i visitatori vengono divisi in gruppi a seconda della lingua parlata, e ad ogni gruppo viene assegnata la relativa guida. Questa volta, per fortuna, ci è permesso fotografare l’interno: nonostante le immagini non rendano giustizia alla bellezza del luogo, quantomeno riusciremo a farvi capire di cosa stiamo parlando.

Postumia, Postojnska JamaLa prima parte della visita si svolge su un trenino, che ci porta all’interno del mondo sotterraneo per circa 3,5 chilometri; la ferrovia, inaugurata nel 1872, è la prima al mondo all’interno di una grotta calcarea. Trasportati in questo “mare” di enormi stalattiti e stalagmiti bianche e rosse, la gita sul trenino è divertente e suggestiva; l’unica pecca è la velocità di movimento, che non ci permette di godere a pieno della bellezza del luogo.

Una volta scesi dal trenino, iniziamo la parte a piedi della visita alle Grotte di Postumia.

Un vero e proprio “mondo a parte”

La visita alle Grotte di Postumia è molto più commerciale rispetto a quella delle Grotte di San Canziano: nonostante quest’ultime siano patrimonio dell’UNESCO, le Grotte di Postumia sono molto pubblicizzate, e anche le più conosciute al mondo.

Vi consigliamo di fare entrambe le visite: alle Grotte di San Canziano avrete la possibilità di approfondire meglio quello che sono le grotte, poiché la visita è più “intima” e la guida ha molto più tempo per esporre; a Postumia però, nonostante l’affollamento e il prezzo del biglietto, l’ambiente è davvero surreale, e la visita vale veramente ogni euro.

Postumia, Postojnska Jama

La visita a piedi si svolge in un ambiente a dir poco surreale. Incontriamo le già conosciute stalattiti e stalagmiti, le colonne, e le tendine (per avere più informazioni, vi consigliamo di leggere questo articolo). Si susseguono tra loro grotte di diversi colori, a seconda dei minerali presenti nelle rocce, con formazioni calcaree enormi, dalle forme più assurde.

Le più suggestive sono senza dubbio il Grattacielo, che deve il suo nome ai 16 metri di altezza, e il Brillante, così chiamato per il colore così bianco che sembra splendere.

Faccia a faccia con il Drago

E finalmente, nell’ultima parte della visita, riusciamo a vedere il più famoso drago sloveno: il Proteo. Il proteo è un piccolo animaletto, dalla forma anguilliforme, lungo tra i 20 e i 30 cm. Come tutti gli animali delle grotte è cieco (gli occhi sono minuscoli e ricoperti da uno strato di pelle), e nonostante la pelle abbia un colore rosato, è in pratica trasparente, e ciò permette di vederne gli organi interni.

Proteo Postumia

Il Proteo ha 4 zampe, che terminano con delle piccolissime dita; l’animale respira grazie a dei ciuffetti rossi ai lati della testa, che fungono da branchie. Pensate che può vivere fino a 100 anni, e riesce addirittura a stare senza mangiare per periodi fino a 12 anni! La schiusa delle uova è un evento eccezionale, poiché avviene circa una volta ogni 10 anni. Rimaniamo letteralmente folgorati dalla bellezza di questo animale, chiamato il Drago della Slovenia, proprio per il suo particolare aspetto.

Torniamo in superficie e ci dirigiamo verso il Vivaio, per il quale avevamo già preso il biglietto. Il Vivaio non è altro che una stanza molto buia, dove è possibile osservare da vicino gli animali che popolano le grotte di Postumia. La visita qui dentro è molto interessante, e ne vale la pena soprattutto per poter osservare il Proteo da vicino, e senza fretta.

N.B.: evitate di fotografare questi animali con il flash! Il Vivaio riproduce le condizioni delle grotte, e non a caso è buio! Una “flashata” non è certo quello di cui hanno bisogno!

Da Postumia a Predjama, il castello nella roccia

A questo punto, terminate le visite a Postumia, saliamo in auto, con direzione Castello di Predjama. Il castello si trova a soli 10 minuti dalle grotte. Dopo esserci documentati su internet, abbiamo deciso di restare all’esterno del castello, poiché sembra che dentro, non offra niente di particolare (e purtroppo, dobbiamo risparmiare tempo quando possibile!).

Il Castello di Predjama, in stile medievale, ci dà subito la sensazione di essere inespugnabile. Incastonato in una parete rocciosa alta 123 metri, da ormai 800 anni, è uno spettacolo vero e proprio. Sotto all’edificio si diramano numerose gallerie sotterranee, un tempo utilizzate dal signore del castello. Inoltre, il Castello di Predjama è iscritto dal 2015 nel libro dei Guinness dei Primati, come il più grande castello di grotta al mondo.

Dopo numerose foto, ci dirigiamo verso l’ultima mèta della giornata, le Gole di Tolmino.

La natura slovena, un primo assaggio della sua bellezza

Arrivati a Tolmino, appena 2 chilometri a nord troviamo le Gole di Tolmino. Dopo aver pagato il biglietto di entrata di 5 euro, iniziamo a seguire il percorso, prestando attenzione alla cartina che ci consegnano all’ingresso.

Gole di Tolmin

Gole di TolminIl sentiero si snoda tra ponti di legno, insenature nella roccia e canyon. L’acqua del fiume ha un colore che va dal turchese alo smeraldo, uno spettacolo unico a cui non siamo abituati. L’anno scorso, in Svizzera, abbiamo visitato più di una gola, ma il confronto con il colore dell’acqua e il percorso selvaggio immerso nella natura delle Gole di Tolmino, beh, vede un solo vincitore.

Se volete saperne di più, vedere altre foto e magari organizzare meglio la vostra visita, potete leggere il nostro articolo sulle Gole di Tolmino.

Questa giornata è stata davvero ricca, e ci ha permesso di iniziare a vedere le meraviglie che questo paese ha da offrire. La Slovenia ci sta già rubando il cuore…

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. SognandoViaggi ha detto:

    Ciao! Ho visitato la Slovenia la scorsa estate e devo dire che mi ha sorpresa per la bellissima natura che offre. Dei tre luoghi descritti ho visitato le Grotte di Postumia e il Castello di Predjama, mentre non sono stata alle Gole di Tolmino, che devono essere altrettanto interessanti. Serena

    • Lost Route ha detto:

      Per trascorrere un paio d’ore in mezzo alla natura (e perché no, prendere un po’ di pioggia ahah) le Gole di Tolmino sono state n’ottima scelta. Rilassanti e sensazionali, dai colori unici, tipicamente sloveni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: