Grand Tour of Switzerland [2017]

(Anche) quest’anno ci siamo trovati a prenotare le nostre vacanze “estive” all’ultimo momento. Vista l’esperienza positiva dell’anno scorso in Irlanda, e considerato il poco tempo a disposizione per decidere dove andare, abbiamo optato per un’altra esperienza on the road.

L’anno scorso abbiamo testato questa tipologia di vacanza in Irlanda e, documentandoci un po’ per cercare una nuova destinazione, ci siamo imbattuti, quasi per caso, nel Grand Tour of Switzerland (sito ufficiale).

Panorama Interlaken, mt Eiger, Monch, Jungfrau, dall'Harder Kulm

Il Grand Tour of Switzerland in pillole

Il Grand Tour of Switzerland è un percorso di circa 1600 chilometri interamente in terra elvetica. Progettato dall’associazione omonima “Grand Tour of Switzerland” e “Svizzera Turismo“, è pensato per attraversare l’intera nazione con mezzi di trasporto propri o pubblici.

L’itinerario si snoda tra cime che sfiorano i 4000 metri di altezza, 5 passi alpini, 22 laghi, i maggiori ghiacciai delle Alpi, oltre che 11 siti iscritti nel Patrimonio mondiale del’UNESCO.

Pausa pranzo alla Diga Dixence, Grand Tour of SwitzerlandIl percorso è pensato, come indica il sito internet dedicato al Tour, per essere affrontato in auto in 7 giorni, considerando circa 5 ore di viaggio al giorno. Noi per fortuna avevamo a disposizione 14 giorni, e per vivere il più possibile questa terra, abbiamo personalizzato e ricostruito il tragitto, “spalmandolo” in 14 tappe di viaggio. Oltre alle due giornate impiegate per l’andata ed il ritorno dall’Italia, abbiamo percorso in auto un totale di circa 3300 km.

L’esperienza insegna: qualche consiglio utile

Per chi volesse seguire le nostre orme, ci sentiamo di dare qualche consiglio:

  • seguire il Grand Tour of Switzerland, come proposto dal sito, in senso orario. Lungo la strada ci sono i cartelli che indicano la direzione da seguire, ma solamente in questo senso.
  • progettare il viaggio in estate, o al massimo inizio autunno. Il maltempo e la neve potrebbero compromettere qualche tappa, dato che vengono toccati dei punti ad alta quota (ahimé, a noi è successo).
  • organizzarsi al meglio per i pasti se avete un budget limitato, poiché il costo della vita in Svizzera è molto alto. Soprattutto per quanto riguarda i ristoranti, sono davvero molto costosi (una pizza margherita costa, mediamente, circa 12€).
  • non preoccuparsi troppo per l’organizzazione delle escursioni, considerato che i sentieri sono davvero ben tenuti. Ne abbiamo incontrati alcuni addirittura asfaltati, sopra quota 2000 metri, ed è presente una ricca segnaletica.

Lago Marmorera, Grand Tour of Switzerland

Nei prossimi articoli racconteremo nel dettaglio il nostro Grand Tour of Switzerland, con le tappe che abbiamo affrontato ed una descrizione, quanto più completa e precisa, dell’itinerario intrapreso. Sicuramente, le tante attività disponibili e le attrazioni presenti, permettono a chiunque di personalizzare il tragitto in base ai propri interessi.

Potrebbero interessarti anche...

12 Risposte

  1. 3 Ottobre 2017

    […] nostro Grand Tour of Switzerland inizia da Losone, nel canton Ticino, dove abbiamo trascorso la notte, dopo essere arrivati in […]

  2. 14 Ottobre 2017

    […] l’ebrezza”, in queste due settimane trascorse in terra elvetica, seguendo il Grand Tour of Switzerland, abbiamo cercato un sentiero che ci permettesse di affrontare questa […]

  3. 8 Novembre 2017

    […] terzo giorno del nostro Grand Tour of Switzerland, senz’altro uno dei più attesi, inizia subito con un dubbio amletico: questo pazzo meteo […]

  4. 8 Novembre 2017

    […] così, durante il terzo giorno del nostro Grand Tour of Switzerland, ci siamo recati a Zermatt, per salire di fronte al Cervino. Con la cabinovia siamo arrivati alla […]

  5. 8 Novembre 2017

    […] attraversato la Gorner Gorge durante il secondo giorno del nostro Grand Tour of Switzerland, poco dopo aver visitato il centro del borgo di […]

  6. 8 Novembre 2017

    […] Siamo saliti sul Matterhorn Glacier Paradise, per ammirare la maestosità del Cervino e degli altri giganti che circondano la valle di Zermatt, durante il terzo giorno del nostro Grand Tour of Switzerland. […]

  7. 10 Novembre 2017

    […] un luogo che non volevamo perdere, e che abbiamo deciso di visitare durante il terzo giorno del Grand Tour of Switzerland, giusto qualche ora dopo essere stati di fronte al Cervino, sul Matterhorn Glacier […]

  8. 15 Novembre 2017

    […] qualche settimana fa, intenti a fare ricerche su internet per organizzare il nostro Grand Tour of Switzerland, abbiamo scoperto l’esistenza, in Svizzera, del lago sotterraneo più grande d’Europa. […]

  9. 23 Novembre 2017

    […] corte e di sentirci turisti nel Medioevo. Ci siamo fermati la mattina del quinto giorno del nostro Grand Tour of Switzerland, e con calma ed attenzione lo abbiamo visitato interamente, dalle prigioni alla torre di guardia. […]

  10. 24 Novembre 2017

    […] visitato, costeggiando a piedi il dirupo, il quinto giorno del nostro Grand Tour of Switzerland, dopo una splendida mattina trascorsa in clima medievale, al Castello di […]

  11. 7 Dicembre 2017

    […] una tappa del nostro Grand Tour of Switzerland, causa maltempo, ci troviamo costretti a modificare completamente i nostri piani; e così, senza […]

  12. 20 Dicembre 2017

    […] e dopo una veloce colazione ci mettiamo in pista, pronti ad affrontare il sesto giorno del nostro Grand Tour of Switzerland. La prima tappa della giornata è la città di […]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: