Le terme libere di Bagni San Filippo e la Val d’Orcia

Strada cipressi val d'OrciaPer trascorrere una domenica “diversa”, tra relax e splendide vedute, ma soprattutto organizzata all’ultimo minuto, siamo andati a Bagni San Filippo. Per arrivare, abbiamo attraversato la bellissima Val d’Orcia: l’intera valle è stata riconosciuta patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO per i panorami che offre, ed in effetti restiamo sbalorditi ad ogni curva superata, da colline dolci e dai tanti colori, nonostante non sia il periodo migliore, dai vecchi casolari ancora ben conservati e i tipici cipressi della Val d’Orcia che costeggiano le strade sterrate.

Vicino al Monte Amiata e superato San Quirico d’Orcia, arriviamo a Bagni San Filippo, nota località termale, conosciuta soprattutto per le terme libere lungo il torrente Fosso Bianco.

 Una balena alle terme

Direttamente dalla strada principale, iniziamo a scendere lungo un percorso pedonale, con il bosco sulla destra e il rumore delle cascate del Fosso Bianco, piccolo torrente così chiamato per il colore dell’acqua; capiamo di essere vicini per il forte odore sulfureo delle acque termali.

Le prime vasche che incontriamo sono piccole e con acqua tiepida, ma sappiamo che il punto migliore del torrente è la “Balena Bianca“.

Balena Bianca, Bagni San Filippo

La “Balena Bianca”, terme libere di Bagni San Filippo

La “Balena Bianca” non è altro che una formazione calcarea con una suggestiva forma, riconducibile ad una balena; nonostante il divieto di arrampicarsi, è proprio lì sopra che l’acqua nelle vasche (artificiali e non), supera i 40°. Proseguendo il sentiero lungo il torrente si possono vedere, di fianco ad un’altra “scultura” naturale, le terme a pagamento di Bagni San Filippo.

Sulla strada del ritornoRocca di Campiglia

Dopo un breve bagno, ci rimettiamo in macchina, ma prima di riprendere la strada di casa, svoltiamo verso Campiglia d’Orcia, un piccolo borgo che offre un punto panoramico su tutta la valle.

Seguiamo a piedi una strada che ci porta in vetta alla Rocca di Campiglia, un masso roccioso su cui svetta una torretta campanaria, e da cui è possibile ammirare tutta la Val d’Orcia.

Gli ultimi raggi di sole accompagnano la nostra uscita dalla valle, consapevoli che torneremo di nuovo in questa terra, che ha tanto da offrire.

Val d'Orcia, colline e casolare

Seguici anche sui maggiori social network!

FB icon  TW icon  IG icon  YT icon  Flickr icon

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: